venerdì, maggio 15, 2009

Gli inconvenienti del bucato!



Consiglio spassionato: pseudo-lettore, leggere soltanto dopo essersi premunito del disco come sottofondo dei Those Dancing Days - "In Our Space Hero Suits"

Salve a tutti gente,

Non so se capita anche a voi ma grazie all'arrivo delle belle giornate molti si accorgono di avere un aspetto a dir poco indecente e "riesumano" dallo scomparto più lontano, inesplorato e dimenticato del proprio armadio lei: la tuta sportiva!

Si parte con i migliori propositi, quello di risvegliare la pigrizia invernale del nostro corpicino, in profonda fase relax. Si puliscono dalla muffa vecchie logoratissime scarpe da tennis e, oplà si riparte.......per morire già ai primi km di corsa.

Il maratoneta primaverile lo riconosci dall'abbigliamento: vecchi pantaloncini champion logori con strane macchie all'altezza delle zone di evacuazione fisologica, felpa con buchi vari, stile emmenthal, calzino ultra pesante di spugna e scarpacce da tennis sfinite che supplicano pietà ad ogni passo di corsa.

Il fiato è pesante, il viso paonazzo e lo sguardo rivolto ad ogni angolo di strada alla disperata ricerca della fontanella d'acqua di turno.

E' uno dei motivi principali per cui un giorno ho deciso che non avrei più smesso di correre e nel bene o nel male (più laseconda versione), mi sarei tenuto sempre allenato, tanto per evitare di schiattare.

La decisione, inevitabilmente, ha avuto delle ripercussioni sui vari capi d'abbigliamento da trovare sempre disponibili all'occorrenza nell'armadio di casa, suddivisi per stagione.


Vesione Invernale: Canotta di lana stile superpippo per il freddo bastardo, felpa catarinfrangente salva autista rinco, pantaloni elastico-attillati che fanno tanto gay, passamontagna

Abbigliamento estivo composto da: bandana stile ever green, pantaloncino stile seconda mutanda; maglia commemorativa di qualche gara di qualche remota località immersa nello sperduto Piceno e le fidatissime scarpe verso le quali si nutre, come per tutti i runners, un amore sviscerato.

Semmai un giorno decideste di diventare dei "runners" abituali, vi dò un consiglio: occhio al cambio! Il vostro compagno di giornata sarà la borsa del cambio, fornita dell'abbigliamento giusto per l'appuntamento quotidiano con la corsa.

Che decidiate di correre 3, 4 o 5 volte a settimana, il cambio è fondamentale. Può capitare talvolta di dimenticare qualche elemento e così il vostro appuntamento se ne và a farsi benedire. Salta la quotidianeità, il religioso incontro con voi stessi, i vostri passi sull'asfalto, i pensieri, il lungomare della città in cui abitate, la collina del paese, la vicina di casa che anche lei ha la passione per la corsa e ogni volta che incontrate avete un mancamento per l'emozione e in cuor vostro sperate un giorno di trovare il coraggio giusto per fermarla e chiederle di correre assieme (ovviamente l'ultima ipotesi non appartiene più alle mie possibilità, sigh! :rotfl).

Un giorno potreste ritrovarvi ad imprecare chiusi nel cesso del vostro ufficio, perchè vi mancano i calzini o peggio avete scordato le amatissime scarpette per uscire a correre. Bè quel giorno realizzerete di esservi trasformati dal semplice impiegato che vuole risvegliare il proprio corpicino in veri e propri runners.


Consiglio numero 2: Nell'eventualità che questo accada, ossia che diventiate veri e propri assidui corridori, occhio sempre al cambio! Rimarrete sorpresi con quanta generosità il vostro corpicino dona buona parte di voi stessi agli indumenti della corsa.

E' buona cosa mettere i propri panni usati immediatamente a lavare e assicuratevi che tutti e dico proprio tutti vengano tirati fuori dalla borsa sportiva.
Per l'uscita successiva eviterete così, che le persone che vi incontrano preferiscano buttarsi in un fosso o in un rovo di ortiche, pur di non venire assalite dal vostro aroma sportivo.

Proprio la settimana scorsa sono stato vittima di un increscioso incidente. Dopo un periodo particolarmente intenso di allenamento, durante lo scarico del putridume dei capi sportivi utilizzati nella lavatrice, dimenticavo di togliere un elemento; non uno a caso, bensì il peggiore.......la mutanda intrisa, che rimaneva così a fermentare dentro la mia borsa sportiva.


All'indomani della preparazione della sacca, alle prime ore del mattino, memonto in cui ogni essere umano è più vicino ad essere uno zombie piuttosto che a qualcosa di vivo, infilavo incautamente la testa nella borsa inalando inconsapevolmente le esalazioni tossiche provenienti dal terrificante indumento! Perdevo i sensi in preda ad uno stato catatonico-allucinogeno e prendevo contatto con l'aldilà con un lontano parente, tale zio Peppì, morto nel 1915, anch'egli appassionato di gare podistiche, che per l'occasione mi forniva due, tre consigli su come elaborare la mia preparazione estiva in vista delle future gare, ma questa è un'altra storia.

Vabbè, allora pronti per la sgambata, si và?? Se decidete per il sì, fate un fischio io ci sarò!






Saluts
Superfly


4 commenti:

Fiordicactus ha detto...

Inteessante riflessione, potrei cominicare la mia "carriera" da runner, dalla ricerca dei capi più adatti! ;-)
O sarà meglio iniziare a camminare e solo dopo aver perso qualche Kilo, cercare qualche bel completino per continuare a "passeggiare" sul lungomare?
Senza dimenticarmi il tempo che ci vuole per preparare una collezione di musiche e/o canzoni, che mi facciano compagnia mentre pratico un po' di sport? :-)
E le creme, anti scottature, dovrò munirmi anche di questi accessori, cappellino? Paglia, stoffa o che altro??? ;-)
Insomma, già sono stanca così, come posso pensare di mettermi in marcia??? Forse se incontrassi il Sup, che mi invita a correre con lui! Ah! Ah! Ah! avete visto che faccia ha fatto??? :-)))

Ciao, R

AnimaPigra ha detto...

Oh porca vacca anche il Sup con la bandanaaaaa!!!!

Eh ma questo è proprio un mondo crudele, eh?!

Cavolo, io non ce l'ho il lungomare... sarà per questo che o ho mai fatto la runner?
:-P

Buona settimana!

Superfly ha detto...

Salve a tutte, :D

porcazozza che domenica da panico che ho passato!

Ci sono tanti argomenti da mettere sulla brace, mi sa che ci faccio un post!

Comunque ieri sono uscito a correre e sarà stato per l'euforia per il 17 SCUDETTO, che ho fatto il giro dei colli piceni, e alla fine mi sono abbronzato talmente tanto che quella cazzo di bandana sulla testa m'ha lasciato il segno!

La consorte mi piglia per il culo in quanto sono nero fino a 3/4 di fronte!!! Mi consiglia di andare a fare una lampada, vabbè...è la sua rivalsa per il fatto che la sto PIGLIANDO PER CULO IN QUANTO GIUVENTINA! Oh oh oh...ma dov'è finito il PapaBianconero?? Jeeaaaaan

AnimaControBandane ha detto...

Eh il Papa è impegnato a fare il catsitter... Ha fatto l'ostetrico qualche giorno fa ed ora ha dato un paio di giorni di ferie alla mamma-micia e così allatta lui..
ahahahahah

che goduria l'abbronzatura a strisce!!!
è la giustizia divina che dovete subire, voi che la portate!
GH

allora aspettiamo il prossimo post sulle vicissitudini domenicali....