domenica, marzo 29, 2009

Favola di Primavera


Fare il papà non è ruolo facile, più difficile ancora è farlo unitamente a quello dello zio, quando di pargoli, dopo il forcing culinario della domenica dalla suocera , te ne trovi tre davanti che ti chiedono:

Dolce Chiara: - "Zio ci racconti una favola?"



Ecco...la favola! Già faccio fatica a tenè gli occhi aperti dopo l'abbuffata e mò che je racconto a sti bimbi ora?? Che me invento??

Zio Svogliatus: - "Sse..allora c'era una volta"...



Teppa George: - "Si Ciccirivolta che cantava una canzone!"



Zio Svogliatus: - "Eh no Giò, se iniziamo così non m'aiuti! Allora c'era una volta"....



Teppa George: - "Ciccirivolta che cantava una canzone!"



Zio Svogliatus: - "Ma porcaccialazozza! Sta bono! Allora ve l'ho raccontata quella di Pollicino??"



Dolce Chiara: - "Massì zio, e pure quella di cappuccetto rosso, del gatto con gli stivali, della bella addormentata nel bosco. Dai raccontacene una nuova, di quelle che t'inventi te!



Zio Svogliatus: - (tra se e se) Ecco...mo sto messo bè! La fantasia sta a zero...che m'envento?? "Massì vi racconto quella del piccolo rimorchiatore che..."



Dolce Chiara: - "...un giorno si avventurò nel mare in tempesta a recuperare una grande umbarcazione! Ziooooo, ce l'hai già raccontata!"



Zio Svogliatus: - "Morrrrtacci de Pippo! E allora mo che ve racconto?? Uff....se si potesse azzardare, a variare e raccontare qualcosa di nuovo che ne sò tipooo....


.....C'era una volta una bella Principessa che qualche anno prima era stata liberata dal principe azzurro da una bruttissima strega dagli immensi poteri ed armata di un ferocissimo drago sputafuoco chiamato Dellutro.

Il principe, impavido di fronte al pericolo, s'era liberato in poche mosse del mostro, aveva rinchiuso la strega dentro un pozzo ed aveva liberato la splendida principessa. Bello e forte, lasciava tutti a bocca spalancata per la sua possente figura che si ergeva in cima al suo meraviglioso e velocissimo cavallo, avvolto dalla sua lucente dorata armatura.


Aveva liberato la principessa di un Regno di un piccolo paese e, così aveva conquistato il suo cuore. Decisero di vivere felici e contenti per tutti i restanti giorni della loro vita, o almeno così si auguravano, come in genere avviene in tutte le favole, solo che in questa, cari miei, la storia continua.



La regina ebbe un parto gemellare e improvvisamente il valoroso cavaliere si ritrovo padre di famiglia di una squadra di calcetto. Ben sette figli e tutti maschi!

Da quel giorno non riusciva più a chiudere occhio la notte! Non c'era sera in cui non ne piangesse almeno uno. Se uno dei sette dormiva, sicuramente uno degli altri piangeva disperato, ma era più facile che a farlo fossero poi alla fine tutti e sette.

Non solo, ma ogni volta che tornava esausto da qualche guerra con streghe, orchi e bifolchi, draghi e brutti prepotenti, anzichè potersi abbandonare sul divano del suo amato castello a riposare, veniva assalito dai sette pupi indemonati che volevano giocare col papi appena tornato a casa.

Fu così che come cavaliere cominciò a non azzeccare più un colpo. Non gli riusciva più di ammazzare manco un draghetto, una tartaruga o che ne sò una lucertola! Era davvero sfinito e tornava a casa spesso sconfitto, distrutto, senza forze, con l'armatura ammaccata, bruciacchiata, annerita da qualche battaglia che aveva visto vittorioso qualche mago o un draghetto di periferia.


Il lavoro, visti i risultati, cominciava a scarseggiare. La concorrenza era schiacciante e c'erano ormai tanti cavalieri molto più giovani, gaiardi, freschi e riposati di lui, pertanto nessuno pareva ricordarsi dei suoi servigi ne sapeva cosa farsene; anche i paeselli più piccoli, di fronte alle incombenze economiche del nuovo secolo, preferivano tenersi in casa i loro stregoni ed i loro draghi piuttosto che i malandati servigi di un cavaliere alquanto inaffidabile.


Malgrado ciò c'era l'amore a trionfare e non c'era sera in cui la principessa non gli curasse le sue ferite, o gli facesse un piediluvio, o gli riparasse a colpi di martello la sua armatura e lo tranquillizzava dicendogli: "Non ti preoccupare, vedrai arriveranno giorni migliori!"



Nel frattempo il principato che aveva ereditato maritandosi con la giovane principessa, cadde in disgrazia. Immerso nel cuore del Paese, umido e freddo per ben 12 mesi all'anno, i cittaddini pian piano si trasferirono in posti più caldi, fertili e ricchi, comportando l'abbandono e la decadenza del fu glorioso Regno!



Praticamente il neo Re e la Regina si ritrovavano ad avere un tenore di reddito pari a quella di un impiegato dei tempi nostri con un mutuo sulle spalle. Tra l'altro il tempo passava e la coppia nobile si trovò nella necessità di ristrutturare il palazzo reale, spesso e volentieri messo a dura prova dalla enorme capacità distruttiva dei sette neonati scagazzanti!

Allo stress della modesta vita da casalinga la Regina non era preparata, così una sera, durante la solita pietanza a base di pasta & fagioli, di fronte alle solite lamentele dell'ingrato coniuge/cavaliere prese coraggio e manifestò tutto il suo malcontento!

La Regina non era soddisfatta, non si sentiva realizzata. Aveva risposto ad un annuncio come Operatrice Sociale ed aveva trovato un impiego. Il giorno dopo avrebbe preso a lavorare!

Giammai rispose il Re. Non s'è mai visto una Regina che va a lavorare! Ma c'era bisogno di sghei per far fronte alle spese di ristrutturazione del castello: salotto, camera bimbi e gabinetto annesso; così il giorno dopo la Regina, a prescindere dell'opinione del suo consorte, prese a lavorare e si sentì dopo tanto tempo, finalmente motivata, euforica, piena di energie tant'è che il lavoro prese subito una buona piega e tutti sembravano richiedere i servigi della Regina come consulente sociale, piuttosto di quelli eroici del consorte/cavaliere!

Tant'è che alla fine la paga nel regno iniziò a portarla la Regina più che il Re, il quale cadde in una irreversibile situazione di depressione post anni gloriosi e passava le sue giornate a sbronzarsi all'osteria ricordando i fasti di un tempo.

Dopo non molto tempo, la Regina stufa dell'eterno oziare del consorte, indispettita della totale scomparsa di attenzioni nei suoi riguardi, gli diede il ben servito e lo mollò. Fu così che la coppia reale si separò e alla Regina andarono le proprietà del Regno e la custodia dei sette trofelli, ossia i gemelli che a forza di mangiar avevano assunto le sembianze di sette maialini ben torniti, tanto brutti quanto dispettosi ed antipatici. Al Re andò il suo glorioso cavallo, che dopo diversi anni era ormai vecchio, stanco e ridotto quasi quanto un pessimo somaro, ed un bel calcio in culo per "motivare" quanto prima il fatto di togliersi dai coxxxxi.


Dolce Chiara: - "Zio ma questa storia fa schifo!"


Zio Svogliatus: -"Eh zio ma le cose non vanno sempre come uno desidera che vadano! L'importante è non dimenticarsi delle cose importanti, tipo non smettere di volersi bene anche quando il destino non fa girar le giornate per il verso giusto. Se vuoi amore, non smettere di dare amore"

Teppa George: - "Zio ma fa schifo lo stesso! Era meglio quella di Ciccirivolta che cantava una canzone!"

Zio Svogliatus: -"Vabbè ho capito, si gioca a carte??"

Teppa George: "Siiiiiiiiiiiiii!"

Zio Svogliatus: -"Asso PijaTutto o Rubamazzo??"

Teppa George: "Rubamazzooooooooo"

Zio Svogliatus: -"Eh namo col rubamazzo. Ah Giò, nun fregà eh??"

Ps- il racconto non si riferisce a nessuno in particolare, ne tantomeno è lontanamente autobiografico, però è tanto reale che mi fa venire i brividi.....perchè creare una realtà fittizia e neanche credibile in un bambino?? Siamo sicuri sia la strada giusta?? Mah, intanto vado in un negozio di fiori e compro una rosa per la consorte!



Ciauz
Superfly

11 commenti:

spina di cactus ha detto...

Penso che, fino ad una certa età, abbiano un modo fantiastico e si possa assecondarlo.
Ma proprio ierie, la figlia putativa, parlando di Capuccetto Rosso, mi ha detto che non la raccoterà a sua figlia (2 mesi e mezzo), perchè fa venire gli incubi! Boh! . . . Io ricordo che i miei figli la preferivano, ma, in effetti, poi mi hanno costretto a vedere "Il Corvo" e tutti quelli di Tim Burton, che ci sia qualcosa di vero???
Ciao, R

Superfly ha detto...

Salve Signura,

come stà?? Dice che a raccontar le favole bisogna stare accorti?? Mah!

Tempo fà un amica, di fronte alla notizia della mia scelta di comprare una serie di libri di favole davvero carini per Little, mi diceva che odiava le favole in quanto finiscono tutte male....male??? Ma come?? Forse a me le hanno raccontate modificando il finale?? O forse a lei!

Forse anche lei non ha apprezzato l'evoluzione della storia di Capuccetto Rosso, dove sto lupo prima le divora, poi viene squartato eccheccazz, ma chi è l'autore?? Il bis-nonno di Tarantino?? Mah!

L'importante Signura è che sua figlia non sia appassionata di Marilyn Manson...:D poi tutto il resto va bene.

La favola?? Forse son rimasto un pò toccato dai recenti racconti di qualche amico. Ovviamente il racconto non si riferisce a nessuno in particolare, ma ho fatto semplicemente un collage su quanto triste può essere la fine di un amore. Quanto può far male, tanto da restare una ferita aperta per una persona che si portrerà sempre dietro e la cosa mi rattrista e al contempo spaventa perchè può capitare a tutti di esserne protagonisti.

Per questo il consiglio che do è quello che, fino a quando l'amore c'è alimentalo!

Che poi io son quello che crede che un matrimonio sia destinato a durare tutta una vita, come vidi fare ai miei nonni, tanto da essere una entità unica, sola, speciale.

All you need is love, love.
Love is all you need.

Saluts

AnimaDaFavola ha detto...

ufffffffffffffffff
una viene qui per commentare e si ritrova sto pò-pò di roba....
E che devo dire? hai già detto tutto te!
Tutti i riferimenti a fatti persone sono puramente casuali qui, o quasi :-D

Buongiorno Sup, io comunque nelle favole a lieto fine ci credo. Tu ne sei l'esempio vivente!
:-)

Superfly ha detto...

Ciao Anima Bella!

Oooh fi-nal-men-te, sei tornata, come la primavera ceh ancora non sia faceva sentire & vedere!

Come dici? Io l'esempio?? eeeeeeh come no! Bisognerebbe chiedere alla consorte, anch'io ha la mia buona scorta di difetti che nascondo bene sotto il tappeto.

Ti svelo un segreto, ma non lo raccontare a nessuno: son bravo a farmi perdonare! :D

Ciao e non scomparire di nuovo!

fiordicactus ha detto...

Giusto, l'amore è come un fuoco nel camino, ma lasciarlo morire! Darsi da fare, inventarlo, comprare rose, che aiuta! ;-)

Saluti alla Lazy Girl e al Piccolo Buddha. :-*

Salutoni a te e Buona Pasqua! R


Ps. Saluti e auguri anche sall'AnimaDaFavola. :-*

AnimaPasquale ha detto...

Grazie Signora del Cactus! :-)


Ah... meno male che qualcuno si ricorda di me!!! :-P

Suuuuuuuuupppppppppppppp
è lunedìììììììììììììììììììì
aiutooooooooooooo :-(

Superfly ha detto...

eh, aiuto! Dillo a me col lampadario che alle tre e mezza di notte mi ballava la lambada! :-O

Altro che lunedì!

papasenzacavallo ha detto...

Ehi, cazzo, sono tornato per votare la vicina e tu hai già chiuso il sondaggio! Ritienila votata! :D

(no, è che a volte mi sento quasi chiamato in causa... tranne il fatto che non ho nemmeno un glorioso cavallo imbolsito da sfoggiare, ma tant'è, mi accontento dei miei gatti rompicoglioni)

Superfly ha detto...

PAPOOOONEEEEE! :D

Ma ben tornto!

Ecco, io volevo precisare una cosa! Il racconto no si riferisce a nessuno in particolare!

Sono imprevisti del cuore, che possono fare tanto male ma che non debbono far fare l'errore di far chiudere in se una persona che tanto potrebbe dare.

Di vita ce n'è una e tanto vale sfruttarla al meglio, senza stancarsi di provare.

Ciaooo Papone, so felice che sei tornato dal pellegrinaggio!

E dì, ma hai incontrato durante il tragitto il diavolo tentatore?? :rotfl

papaindiavolato ha detto...

Eh ma lo so, Sup, che non è riferita a nessuno: però con me casca a fagiolo, come si suol dire. E onestamente la voglia di chiudersi in se stessi è tanta, e quasi quasi cedo. Quando mi rendo conto che io sono fatto per stare da solo, alla fine, sto molto meglio ;)
Di vita ce n'è una, sì. C'è chi dice sia un dono. Io penso che a volte sia un peso. Quindi più che sfruttarla la sopporto, diciamo così.
Dio se l'ho incontrato, il diavolo! Sotto forma di una spagnola prima e di una tedesca qualche giorno più tardi. Inutile dire che ho ceduto volentieri. Io sono per la scopata terapeutica :D

Superfly ha detto...

Caro Dott. Stranamore,

ora ho capito perchè ogni tanto simula un viaggio terapeutico!!!

Cazzarola se pure agli anziani delle terme passassero lo stesso trattamento, sai come tornerebbero gaiardi & arzilli a casa!!! :rotfl

Contento del suo ritorno, finalmente posso tornare a dare libero sfogo ai miei commenti bulicci, c'è qualcuno che li gradisce! :D

Ossequioso
Dott. Killdare